Badante professionale, quali sono le motivazioni?

03/06/2020
10 Minuti

La badante professionale è una persona che offre assistenza all’assistito nel migliore dei modi, alleviandogli le sofferenze, fino a diventare (nel corso del tempo) un vero e proprio punto di riferimento.

Quando un anziano riconosce nella badante una persona della quale potersi fidare, anche il lato psicologico ne giova. Una vera e propria badante, infatti, non deve preoccuparsi di offrire solo assistenza fisica, limitandosi a sistemare il letto o a cucinare, ma deve sposare a pieno le esigenze dell’anziano.

I compiti di una badante: cosa deve fare

Come potete vedere, questo non è un lavoro per tutti, occorre avere passione e dedizione.

Quindi, se il vostro scopo è solo quello di contare i soldi a fine mese, rinunciateci fin da subito.

Parliamo di una mansione che rispetto agli anni addietro si è evoluta (non poco) e che quindi richiede tantissimo impegno da parte di tutti. Anche da parte dalle agenzie come la nostra, che si occupano di collocamento badanti.

Questo perché le agenzie in circolazione sono tante e quindi le nostre badanti devono essere le migliori in circolazione. Devono fare realmente la differenza! Le nostre migliori badanti, sono quelle che definiamo PRIMUM, ovvero coloro che hanno partecipato a corsi di formazione e di coaching e che quindi hanno un vantaggio non indifferente rispetto alle altre.


Come fare realmente la differenza.

Una badante professionale che vuole diventare completa sia sul piano tecnico che teorico, può sicuramente decidere di investire nella formazione. Chi decide di iscriversi a nostri corsi, avrà un impatto differente nella vita dell’assistito.

Questo perché la parte esperienziale prima o poi si migliora con la pratica sul campo, ma solamente dopo del tempo. Invece, seguendo degli ottimi corsi di formazione, sarà da subito più semplice fornire assistenza all’anziano in maniera ottimale. Curando ogni minimo particolare.

Inoltre, la formazione è importante anche nello sviluppo di skills specifiche, come ad esempio il comprendere il linguaggio paraverbale dell’anziano. Ovvero, quello che include il tono della voce, la velocità di linguaggio, il modo in cui si parla.

Spesso, accade che l’anziano per paura di disturbare o perché afflitto da pensieri negativi, non comunichi un suo volere o una sua necessità. E in questi casi non sarà l’esperienza a farvi leggere una situazione del genere, ma solamente lo studio.

Quindi se volete fare carriera in questo settore, prendete seriamente in ipotesi la possibilità di iscrivervi a corsi di formazione e coaching erogati da Santa Rosa Assistenza.
Presentandovi alle famiglie con un cv completo anche sotto il piano teorico, aumenterà anche la vostra forza contrattuale.

Insomma, diventare una badante professionale non è semplice, ma nemmeno impossibile. Come per tutte le professioni, occorre crederci e fare sacrifici per offrire un valore aggiunto rispetto alla media.

Il mix formazione/pratica renderà le badanti completi a 360° e quindi aumenterà anche la possibilità di trovare velocemente una collocazione.
Santa Rosa Assistenza resta a vostra completa disposizione per qualsiasi informazione in merito ai nostri corsi o semplicemente per un consiglio.


Potete contattarci sia attraverso i nostri canali social, sia attraverso il nostro numero di telefono che trovate sul sito.

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022
Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?
29/11/2021
No vax badanti: un rischio che non puoi permetterti se vuoi lavorare!
19/11/2021
L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!
15/11/2021
OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?
08/11/2021
La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)
Precedente
Successivo
Iscriviti alla Newsletter