Badante per anziani, come assistere al meglio l’assistito

02/11/2020
10 Minuti

La mansione di badante per anziani è una delle più richieste degli ultimi venti anni, ma nello stesso tempo anche una delle più difficili da svolgere. Parliamo infatti di un ruolo chiave, specialmente nella società moderna, dove gli anziani vengono spesso emarginati e non valorizzati. Un errore enorme sia sul piano umano che dell’esperienza. Gli anziani sono un valore sia nelle famiglie che per la società ed è grazie a loro se il mondo si è evoluto nel corso del tempo.

E quindi, chi è intenzionato ad intraprendere questa professione deve farlo con il massimo dell’amore e della sincerità.

La forte offerta ha generato anche un numero esponenziale di badanti, intenzionato ad accaparrarsi questo lavoro. E quindi, la concorrenza è aumentata vertiginosamente, non basta più avere solo voglia di aiutare una persona.

Occorre avere delle skills specifiche, le famiglie chiedono sempre di più. Non ci sono mezze misure, non funziona più come una volta (quando si improvvisava badante anche la vicina di casa), chi vuole fare carriera deve studiare e formarsi. Del resto, questo binomio è vincente per ogni tipo di professionista.

Badante per anziani, formazione e specializzazioni.

Una badante per anziani che vuole formarsi può rivolgersi senza alcun dubbio a Santa Rosa Assistenza, la prima agenzia d’Italia di collocamento badanti. La nostra agenzia mette a disposizione delle badanti dei corsi di formazione e coaching, che se seguiti con impegno e profitto, vi aiuteranno a creare delle basi solide della ‘materia’. È ovvio che l’esperienza è importantissima, ma senza una base di formazione, questa professione non vi porterà da nessuna parte.

Diventa allora fondamentale completarsi a 360° per assistere al meglio gli anziani, avere maggiore forza contrattuale con le famiglie e puntare ad un salario gratificante.

Inoltre, i corsi di formazione vi saranno utili anche per acquisire delle skills specifiche, di nicchia. E quindi gli anziani che soffrono di determinati problemi o disturbi, dovranno rivolgersi solamente ad una badante che sappia come agire in quella specifica situazione. Un esempio che possiamo farvi per rendere subito l’idea è la badante con certificazione OSS, la quale può assistere senza problemi un anziano che abbia bisogno del cambio medicazione più volte al giorno.
La formazione è un plus che solo poche dispongono, affrontare il colloquio con la famiglia dell’anziano sarà una vera e propria passeggiata.

Qual è il giusto approccio con l’anziano?

Una badante per anziani professionale al 100% deve equilibrare l’approccio con l’assistito, ovvero mai essere troppo severa e mai l’opposto. La badante è in primis un’amica per l’anziano, quindi dovrete lavorare in primis sul rapporto interpersonale. Diventando una vera e propria figura familiare.


Per svolgere questo lavoro al meglio non è importante solamente aiutare l’anziano fisicamente, quindi cucinarlo, vestirlo, ecc.


Il vero e proprio motore che aiuta l’assistito a vivere una seconda giovinezza sarà l’armonia che si respira in casa e questo dipenderà molto da voi.


Non ci stancheremo mai di dirvi che questo più che un lavoro è una vera e propria missione di vita, che solo con l’amore per il prossimo si può intraprendere…

 

 

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022

Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter