Quanto costa una badante?

07/01/2020
10 Minuti

Spesso si pensa che assumere una badante senza passare per un’agenzia di collocamento badanti possa essere la soluzione più economica, al contrario, oltre che a essere controproducente, non garantisce prezzi bassi, trasparenza e sicurezza. In questo articolo, si analizzeranno i costi di assunzione di una badante.


Assumere una badante

Prima di parlare dei costi, ricordiamo che la figura professionale della badante configura come lavoratore domestico e per cui si parlerà del Contratto collettivo nazionale. Questo significa che, come per gli altri lavoratori indipendenti si concorderà la retribuzione, tenendo però conto dei minimi retributivi fissati dai sindacati. Consigliatissimo è specificare nel contratto i diritti e doveri della badante e del cliente, in modo da fissare ogni punto attentamente e con precisione.

La retribuzione, le informative relative alle ferie, alla tredicesima, ai contribuiti INPS e INAIL, dovranno essere chiarite e contenute nel contratto. Le tariffe e gli stipendi delle badanti varieranno in base al tipo di servizio che viene richiesto, per esempio la retribuzione cambierà da servizio diurno o notturno, da badante convivente e non, e così via.

Ecco, di seguito, un’analisi dei fattori che determinano lo stipendio di una badante.


Quanto costa una badante?

Prendendo in considerazione il già citato CCNL, ossia il Contratto collettivo nazionale, si può vedere che i collaboratori famigliari vengono suddivisi in alcune categorie, ecco alcune di seguito:

  • Livello A: categoria che comprende i collaboratori famigliari che non si occupano dell’assistenza alla persona.
  • Livello A super: rientrano in questa categoria babysitter e collaboratori con funzione di sola compagnia.
  • Livello B: collaboratori famigliari con esperienza, che lavorano in specifici ambiti, ad esempio giardiniere, cameriere, autista ecc.
  • Livello B super: collaboratori famigliari che svolgono mansioni di assistenza a persone autosufficienti e mansioni relative alla cura della casa se eventualmente segnate nel contratto.

Il lavoro della badante rientra quindi nella categoria B super, di cui si prenderanno in esame i costi di un eventuale assunzione. Per prima cosa dovrai scegliere il tipo di badante e il servizio che preferisci, tenendo conto dei minimi retributivi, tra:

  • Badante convivente: lo stipendio minimo è di 857,94 euro.
  • Badante convivente fino a 30 ore alla settimana: stipendio di 600,56 euro.
  • Badante non convivente: stipendio da calcolare in base al numero di ore. La tariffa minima oraria è di 6,06 euro.

Nel caso in cui necessiterai di assistenza notturna, dovrai calcolare lo stipendio della badante tenendo conto di questo aspetto, sapendo che il minimo retributivo dalle ore 20:00 alle 8:00 è di 986,62 euro al mese, mentre la sola presenza notturna dalle 21:00 alle 8:00 corrisponde a 660,61 euro mensili.

Inoltre, nel caso di vitto e alloggio, dovrai aggiungere allo stipendio della badante una maggiorazione al giorno del valore di 1,93 euro per pranzo e/o colazione, 1,67 euro per l’alloggio, 1,93 euro per la cena. Questo significa che nel caso in cui alla tua badante spetterà il vitto e l’alloggio, dovrai aggiungerle 5,53 al giorno, per un totale di 165,90 euro al mese. Ovviamente, dovrai poi aggiungere i contribuiti INPS e INAIL, il rateo delle ferie, la tredicesima.

Tenendo conto del fatto che il costo totale di una badante contattata privatamente va dai 1000 ai 1400 euro circa, dovresti prendere in considerazione l’idea di contattare un’agenzia di collocamento!

Infatti, questa opzione si rivelerebbe per te favorevole sotto vari aspetti. Prima di tutto, trovare una badante in autonomia si rivela un fallimento molto spesso, questo perché le aspettative nella ricerca di una persona che si prenda cura di un famigliare anziano sono molte e comprensibili.

Per questo motivo potrebbe esserti molto utile consultare un’agenzia di collocamento badanti, attraverso cui potrai ottenere una maggiore assistenza, consulti e informazioni aggiuntive. Attualmente, SantaRosa Assistenza è l’agenzia di collocamento bandati numero 1 in Italia! Essa potrà garantirti la ricerca di una badante di livello B Super che fa al caso tuo, l’eventuale sostituzione badante illimitata, pratiche burocratiche illimitate, badanti professionali specializzate mediante corsi di formazione lavorativa e personale gestiti dall’agenzia SantaRosa Assistenza.


Se desideri richiedere informazioni a proposito per trovare la tua badante ideale, non devi fare altro che visitare la sezione “cerco badante” del sito, compilare il modulo con alcuni dati personali e relativi ai servizi badante che cerchi, infine inviare la richiesta online.

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022
Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?
29/11/2021
No vax badanti: un rischio che non puoi permetterti se vuoi lavorare!
19/11/2021
L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!
15/11/2021
OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?
08/11/2021
La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)
Precedente
Successivo
Iscriviti alla Newsletter