Come gestire al meglio le attività della badante convivente

07/01/2020
10 Minuti

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid”][vc_column_text]Convivere con una badante è un decisivo aiuto per l’assistito e i suoi parenti, ma presenta anche svariati aspetti ed equilibri da considerare e gestire con attenzione, per ottenere buona armonia di rapporto tra tutti ma senza andare a discapito dell’efficienza della badante.

Seguire alcuni consigli professionali ed esperti potrà indicarvi come:

  • valutare l’operato della badante
  • migliorare quello che non va
  • ridurre i disaccordi
  • ottimizzare e mantenere l’efficienza della badante

 

Consigli e metodi pratici

Per una ottimale gestione delle attività della badante convivente, queste sono le azioni alle quali i congiunti dell’assistito è consigliabile si attengano:

 

1.Dichiarare chiaramente le regole

Un buon inizio per instaurare un rapporto armonioso ed efficiente tra la badante, l’assistito e i suoi congiunti è sgombrare anticipatamente il campo da dubbi o fraintendimenti, dichiarando esplicitamente orari, compensi, mansioni, regole di comportamento nella casa dell’assistito.

 

2.Consegnare una lista scritta di priorità generali

Tra le varie mansioni della badante convivente, i vari benefici che vogliamo ottenere per il nostro congiunto, le varie regole che desideriamo veder rispettate, è necessario consegnare alla badante una lista generale di priorità. Come dice il detto: “quando tutto è importante, niente è importante”. Se abbiamo delle azioni assolutamente prioritarie che vogliamo che la badante faccia o non faccia, dobbiamo comunicarle con chiarezza alla badante, e accertarci che abbia capito quanto richiesto, sia che si tratti di rispetto della privacy e degli oggetti di valore affettivo dell’assistito, sia che si tratti di alimentazione, igiene, farmaci da somministrare. Stabilire un ordine di priorità, e farlo comprendere alla badante, è molto importante.

 

3.Fare una scheda giornaliera delle attività

Per evitare che la badante convivente, soprattutto se neoassunta, improvvisi o decida di testa propria quali attività svolgere giorno per giorno, è bene stilare una scheda scritta anche delle azioni quotidiane che ci si aspetta che la badante compia, nel rispetto dei riposi previsti.

 

4.Non rinegoziare il compenso

È bene stabilire orari, mansioni e rispettarli e fissare in cambio un compenso, senza far ventilare futuri aggiustamenti del compenso stesso. Ciò infatti darebbe luogo a fraintendimenti e malumori, a discapito sia dell’armonia che dell’efficienza.

 

Colloqui di monitoraggio

Dopo aver creato un linguaggio comune con la badante convivente su cosa si intende per pulizia e decoro permanente dell’ambiente, fare compagnia in modo piacevole ma discreto, rispettare gli spazi, la privacy e gli oggetti dell’assistito, prendersi cura della sua salute e igiene, somministrargli farmaci ad orari stabiliti, rispettare le sue necessità, anche alimentari, è necessario monitorare periodicamente l’operato della badante, e lo stato di soddisfazione dell’assistito e della badante stessa, anche per mantenerne elevata l’efficienza.

E ciò è possibile solo attraverso colloqui con la badante, per fare il punto della situazione, valutare cosa funziona e cosa va migliorato, sia per il benessere dell’assistito che per il morale e l’operatività della badante.

Cambiare troppo spesso una badante, oltre che richiedere un enorme dispendio di energie, porta disagi anche per l’assistito stesso. Se qualcosa non va è bene analizzare bene cosa e capire se la badante ha solo necessità di acquisire più sicurezza e abilità in quella mansione e trovare il giusto modo per ottenere il risultato auspicato, anche attraverso formazione specifica.

 

Formazione e coaching: dalle agenzie risultati e badanti ottimali

Sappiamo quanto è ampio, eppure specifico il ventaglio delle sfere d’azione della badante convivente. Scegliere una nicchia specifica è proprio una delle caratteristiche portanti del coaching, la disciplina che migliora atteggiamenti personali e mentali in riferimento a specifiche attività dell’essere umano. Selezionare e formare badanti, sostenerle, appunto, con il coaching, è a sua volta un’attività professionale specifica, che le agenzie professionali sanno garantire.

Quando si tratta di badanti conviventi, la nicchia professionale specifica è quella della cura e assistenza della persona (caregiving). E’ una nicchia professionale, che richiede formazione e competenze di livello professionale. Le mansioni all’interno di questa nicchia sono varie. Attengono alle sfere psicologica, intima, sanitaria, culturale, linguistica dell’assistito. Per ognuna di esse sono necessarie l’adeguato coaching, oltre a formazione e preparazione professionali. Selezionare, formare, motivare, istruire badanti efficienti, professionali, empatiche, discrete è un’attività professionale specifica, a cui sono deputate in particolare le agenzie di servizi e personale di assistenza con esperienza, organizzazione ed efficacia all’altezza di un settore delicato e centrale come l’assistenza e la cura della persona.[/vc_column_text][divider line_type=”No Line” custom_height=”30″][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” equal_height=”yes” content_placement=”bottom” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”center” top_padding=”40″ bottom_padding=”20″ overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom”][vc_column boxed=”true” column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/3″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid” column_link=”/cerco-badante/badante-a-ore/”][image_with_animation image_url=”1131″ alignment=”center” animation=”Fade In” border_radius=”none” box_shadow=”none” max_width=”100%”][divider line_type=”No Line” custom_height=”30″][vc_column_text]

BADANTE CONVIVENTE

[/vc_column_text][nectar_btn size=”small” button_style=”regular” button_color_2=”Accent-Color” icon_family=”none” url=”/cerco-badante/badante-convivente/” text=”Scopri di più” css_animation=”fadeIn” margin_top=”20″][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid”][divider line_type=”Full Width Line” line_thickness=”1″ divider_color=”accent-color” custom_height=”40″][vc_column_text]

Hai dei dubbi?

Non sai come trovare la badante o hai bisogno informazioni?

 

CONTATTACI SENZA IMPEGNO

[/vc_column_text][contact-form-7 id=”10″][/vc_column][/vc_row]

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022

Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter