In che modo il franchising aiuta la tua start up

07/01/2020
10 Minuti

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid”][vc_column_text]Hai sentito dire che il settore del sociale è in aumento – e hai deciso, di conseguenza, che potrebbe rappresentare un’ottima chance di investimento. Ora stai analizzando quale sia l’ambito migliore sul quale puntare e quale sia la miglior strategia per proseguire: ecco cosa è emerso dalle nostre analisi.

Innanzitutto, partiamo dalle motivazioni che stanno alla base della crescita del mercato del settore sociale: l’aumento del numero di chi ne usufruisce.

Accentuata dal fenomeno della “fuga dei cervelli” (i “cervelli” in questione sono giovani tra i 18 e i 34 anni) e dal calo del tasso di natalità, in Italia la percentuale di anziani (identificati negli over 65) si innalza ogni anno di più, ed è previsto che sfiorerà il 30% della popolazione totale entro il 2030: al momento l’Italia è il secondo Paese al mondo per tasso d’anzianità, ed il primo in Europa.

Dunque, più anziani con necessità di assistenza e sempre meno potenziali lavoratori: non stupisce che la richiesta lavorativa in questo settore si faccia sempre più elevata.

Per entrare in questo mercato, questo è il nostro consiglio: aprire un’agenzia di ricerca e selezione badanti, ovvero un’azienda che si occupa di mettere in contatto lavoratrici professioniste e formate con famiglie alla ricerca di un’assistenza domiciliare professionale e senza complicazioni.

 

L’offerta del franchising

Anche se il mercato è favorevole e con ottime prospettive di aumento, partire con una propria agenzia privata non è uno scherzo: sicuramente è necessario avere esperienza sul funzionamento delle pratiche di assistenza (che può essere testimoniata da una laurea o da precedenti esperienze nel settore sociale), un capitale iniziale discreto e una mentalità versatile e dinamica.

Ma ciò che può fare veramente la differenza, alzando notevolmente le tue chance di successo e garantendo alla tua attività un ottimo inizio, è la pratica del franchising.

 

Di che cosa si tratta?

Il franchising è un accordo commerciale tra un’azienda ben radicata e una start up che ricerca visibilità e clienti fin da subito: in cambio di un versamento iniziale variabile da caso in caso, il franchisor (l’azienda che fornisce il servizio) mette a disposizione del suo affiliato – nel gergo tecnico “franchisee” – il suo know how, le strategie migliori, la possibilità di vendere sotto il suo marchio e, a volte, alcuni clienti già acquisiti.

In altre parole, l’azienda madre “insegna” a quella appena nata come muoversi sul campo, fornendole supporto concreto e consigli utili: in cambio, l’affiliato pagherà una tassa iniziale (chiamata “fee”) e spesso garantirà una piccola percentuale delle vendite assistite dal brand del franchisor (definita “royalty”) a quest’ultimo. Il guadagno è dunque reciproco.

 

I vantaggi del franchising per l’affiliato

Per una start up, la difficoltà maggiore è farsi notare sul mercato: inoltre, in un campo delicato come quello del sociale, basta un piccolo passo falso per perdere un cliente, potenziale o effettivo.

Grazie alla possibilità di usufruire del brand del franchisor, l’affiliato aggirerà buona parte della difficoltà iniziale della ricerca dei clienti e della creazione di un marchio forte, sicuro e affidabile: questo permetterà di iniziare a guadagnare in tempi molto più brevi del normale, e di avere accesso ad un numero di clienti che con una partenza standard non ci si potrebbe mai aspettare.

In altre parole, un affiliato potrà godere di:

    • clientela assicurata: fin da subito, il franchisor farà si che la neoazienda abbia a portata clienti, indirizzandone appositamente alcuni alla sua porta e aiutandola ad attirarne altri;
    • brand authority: ovviamente, la costruzione di un proprio brand richiede tempo ed impegno: per questo motivo, il franchisor permetterà all’affiliato di presentare i suoi servizi al di sotto del suo marchio, riconosciuto ed affermato;
    • know how: teoria e pratica sono molto diverse tra loro, e l’azienda madre questo lo sa bene, per questo motivo mette a disposizione del franchisee la sua esperienza e i suoi consigli, forse gli elementi più importanti e vitali per i nuovi del settore.

 

Conclusione

Clienti assicurati, esperienza, rientro delle spese iniziali in un anno o due: una start up non potrebbe chiedere di più.

Ovviamente il franchising ha un suo costo, ma ciò significa solamente garanzia di efficacia: del resto, vi fidereste di qualcuno che vi propone questo tipo di assistenza gratuitamente? Andate sul sicuro, e scegliete come franchisor un’azienda affermata e prestigiosa: a questo punto, perché non rivolgersi ai numeri uno in Italia?[/vc_column_text][divider line_type=”No Line” custom_height=”30″][nectar_btn size=”large” button_style=”regular” button_color_2=”Accent-Color” icon_family=”none” url=”https://webinar.santarosaassistenza.com/” text=”SEI INTERESSATO A QUESTO SETTORE? ISCRIVITI AL CORSO ONLINE GRATUITO SUL NOSTRO FRANCHISING”][/vc_column][/vc_row]

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

05/11/2021

Focus sulle badanti: quello che tutte le agenzie home care dovrebbero fare

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter