Franchising badanti, costi e fatturato

13/07/2020
10 Minuti

Il franchising badanti continua ad incuriosire sempre di più imprenditori affermati e chi sta per affacciarsi nel mondo dell’imprenditoria.

Il fascino che deriva da questo business è ovviamente legato alle grosse possibilità di guadagno. Infatti, nonostante il nostro Paese continui a ‘perdere pezzi’ (dopo il COVID ancora di più), questo settore resta uno dei più remunerativi.

Assunzione badanti: come si fa e cosa serve?

Non è un caso che gli imprenditori che solitamente si sono interessati nel corso del tempo a franchising con brand storici, adesso preferiscono sposare questo progetto, anche con brand meno conosciuti.

Ovviamente, non vi stiamo dicendo che dovete fidarvi di tutti quelli che operano in questo settore, ma con un’attenta scrematura, potete trovare l’opportunità giusta.

Inoltre, il vantaggio del franchising è che non occorre essere per forza degli imprenditori esperti, quello che fa realmente la differenza è la voglia di voler crescere.
Il progetto deve essere però innovativo, trasparente e basarsi sulla fiducia.

Se viene a mancare una di queste tre componenti diviene difficile portare a casa risultati soddisfacenti.
Ma per poter investire nel franchising (così come in tutti gli altri settori imprenditoriali) occorre disporre di un budget che consenta di ricoprire in primis le spese di avviamento e di gestione.

Ma investire con Santa Rosa Assistenza potrebbe farvi già avere degli introiti dal primo anno…


Investire nel franchising badanti con Santa Rosa Assistenza.

Santa Rosa Assistenza da anni è un’azienda affermata nel settore del franchising badanti e attraverso il know sviluppato, è riuscita anche a creare una vasta rete di affiliati. Non vi nascondiamo che uno dei nostri obiettivi a breve termine è proprio quello di espanderci anche al Sud e al Centro Italia.

Grazie alla nostra esperienza, chi decide di sposare il nostro progetto, già dal primo anno di apertura dell’agenzia può arrivare a fatturare 150.000€. Somma raggiungibile collocando solamente 150 anni badanti. Pensate che per arrivare a coprire i costi di avviamento basta collocare 80 badanti, con un volume di fatturato di circa 80.00€.

E quindi, a conferma dei numeri da noi dichiarati: il primo anno è possibile già raggiungere un utile di 20.000€.

Nessuna truffa, nessun inganno, questo è quello che succede alla maggior parte dei nuovi investitori, che segue le nostre linee guida. Il mix stabilità economica/soddisfazione professionale è più che possibile.

Basta solo volerlo!
Ma come avviene tutto questo? Chi è a pagare? Le badanti che trovano occupazione oppure le famiglie?
Gli introiti di un’agenzia di collocamento badanti sono tutti derivanti dalle famiglie degli anziani.
Quest’ultime pagano in media 80 euro al mese all’agenzia, per ricevere in cambio un servizio veloce, customizzato e conveniente.

Tranquillità che però è stabilita per entrambe le parti, infatti, per ricevere tutti questi servizi, le famiglie pagano in anticipo 957 euro ogni anno.


Tutto dipende voi.

Per far si che le famiglie rinnovino il servizio, tutto dipenderà dal vostro modo di lavorare e dalla vostra disponibilità nei loro confronti. L’obiettivo per incrementare il fatturato annuo è sicuramente quello di trovare sempre nuovi clienti, ma nello stesso tempo di tenere anche quelli vecchi.

In modo da tenere sotto controllo una solida base economica, senza alcuno sforzo!

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022
Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?
29/11/2021
No vax badanti: un rischio che non puoi permetterti se vuoi lavorare!
19/11/2021
L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!
15/11/2021
OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?
08/11/2021
La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)
Precedente
Successivo
Iscriviti alla Newsletter