Stipendio badante, è possibile pagare in contanti?

29/05/2020
10 Minuti

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_link_target=”_self” column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” overlay_strength=”0.3″ column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][vc_column_text]Sono sempre molte le persone che si domandano se è possibile pagare in contanti lo stipendio della badante. E a questa domanda le risposte sono quasi sempre incerte e confuse, allora in quest’articolo faremo chiarezza proprio su quest’argomento.
Ci teniamo a chiarire fin da subito però, che la nostra azienda opera nel pieno rispetto delle leggi e che Santa Rosa Assistenza condanna gli evasori fiscali e chi sfrutta qualsiasi tipologia di lavoratore.

L’Erario chiede la tracciabilità per qualsiasi retribuzione legata ad una prestazione di lavoro, proprio per non alimentare il lavoro nero, ma per alcune categorie di lavoratori esistono delle piccole eccezioni.
Infatti, dal 1° luglio del 2018 è diventato obbligatorio pagare un dipendente o un libero professionista attraverso un bonifico, un assegno o un’altra modalità di pagamento elettronico. Chi non rispetta queste direttive, può incorrere in sanzioni molto amare, si rischia fino a 5000 euro, in base al numero dei mesi in cui è stata violata la disposizione.
Per quanto riguarda le badanti, anche questa mansione di lavoro appartiene ad una categoria professionale del CCNL (contratto collettivo nazionale di lavoro). Questo indica che anche la badante ha diritto al trattamento da dipendente, con conseguente pagamento dei contributi.

Stipendio badante, è possibile pagare in contanti? Sì!

Come già anticipato ad inizio articolo, esistono delle eccezioni per questa categoria di dipendenti, che consento di pagare in contanti lo stipendio alla badante. Attenzione però, una cosa è dire che potete benissimo pagare la badante con soldi liquidi, un’altra è che conviene farlo. Vi spieghiamo subito il perché: immaginate di aver pagato sempre la badante in contanti (con regolare busta paga) e che quest’ultima all’improvviso voglia cambiare lavoro senza dimettersi. Potrebbe benissimo ‘minacciarvi’ chiedendovi un risarcimento come buon’uscita e in caso di un probabile no, i problemi non tarderebbero ad arrivare.

Questo perché la badante potrebbe recarsi in un qualsiasi sindacato e inventare di avere degli arretrati legati allo stipendio. E voi come fareste a dimostrare di averla pagata tutti i mesi? Non sarebbe impossibile farlo, ma nemmeno troppo semplice, il rischio di aprire una causa e di finire dinanzi a un giudice sarebbe molto alto. Questo comporterebbe una fuoriuscita di denaro infinita…la burocrazia, come ben sapete, nel nostro Paese è una vera e propria piaga. Quindi oltre alla perdita di denaro, dovrete fare avanti e indietro tra cause rinviate e avvocati.
Questo è uno dei motivi per cui non conviene assolutamente pagare la badante in contanti, meglio mettere nero su bianco.

Stipendio badante, è possibile pagare in contanti? Professionalità ed efficienza

Senza nulla togliere alle badanti che accettano di essere pagate in contanti, vi accorgerete che la maggior parte di quelle professioniste, non accetterà mai di farsi pagare lo stipendio così. In primis per professionalità, quale professionista del settore accetta il pagamento cash? Nessuna!
Anche perché, nel caso dello stipendio della badante, si parla di somme abbastanza solide a fine mese e quindi impossibili da conservare. I rischi di camminare con cifre di denaro importanti nella tasca del jeans sono tantissimi, i pagamenti tracciati sono la giusta modalità.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_link_target=”_self” column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” overlay_strength=”0.3″ column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][social_buttons nectar_love=”true” facebook=”true” twitter=”true” linkedin=”true” pinterest=”true”][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_link_target=”_self” column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” overlay_strength=”0.3″ column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][recent_posts style=”classic_enhanced” color_scheme=”light” category=”all” columns=”4″ order=”DESC” orderby=”date” blog_remove_post_date=”true” blog_remove_post_author=”true” blog_remove_post_comment_number=”true”][/vc_column][/vc_row]

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

05/11/2021

Focus sulle badanti: quello che tutte le agenzie home care dovrebbero fare

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter