Franchising badanti, perché scegliere Santa Rosa

22/06/2020
10 Minuti

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_link_target=”_self” column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” overlay_strength=”0.3″ column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][vc_column_text]Il franchising badanti Santa Rosa Assistenza è uno dei business più ambiti da commercianti e imprenditori. Questo perché sono tante le aziende storiche che prestano il loro marchio, ma sono davvero poche quelle che riescono ad offrire un vero e proprio guadagno.
Innanzitutto, vi diciamo fin da subito che la formula del franchising è indicata anche a chi non ha molta esperienza nel campo dell’imprenditoria, ma vuole comunque entrarci con cautela. Ovviamente, solo se la casa madre a cui si fa riferimento ha un capitale solido alle spalle ed è realmente intenzionata a crescere e a far crescere. Ma soprattutto, se fornisce delle linee guida chiare e trasparenti all’affiliato.

Le linee guida sono di fondamentale importanza per l’affiliato, perché gli consentono di avere una ‘bussola’ relativa all’operato. E quando queste non sono ben strutturate, sarà quasi impossibile per l’affiliato chiudere il fatturato in positivo. Infatti, molte volte succede che i brand più forti e solidi del mercato, perché impegnati solamente a portare avanti il lavoro della casa madre, forniscano delle linee guida superficiali, con conseguente perdita di denaro per l’investitore.
E proprio perché il franchising consente anche a chi ha poca esperienza di poter investire, molto devono farlo anche le aziende principali.
Lasciare solo l’affiliato equivale a farlo annegare!

Santa Rosa Assistenza un punto di riferimento del franchising badanti

Come dicevamo nel paragrafo precedente, in questo settore la differenza la fa anche la casa madre. Noi di Santa Rosa Assistenza operiamo da anni in tutto il Nord Italia, offrendo un know-how non indifferente. Lo stesso che ci ha permesso di consolidarci come un’azienda solida, che fa realmente la differenza nel franchising badanti. Sia con i numeri che con la soddisfazione dei dipendenti e del cliente finale.
Non vi nascondiamo che anche noi all’inizio della nostra storia abbiamo sudato 7 camicie, ovvero prima di affacciarci in questo mercato, ma grazie allo studio e alla bravura di saper scegliere le risorse (interne e non), adesso possiamo vantare numerosi affiliati.

Santa Rosa Assistenza è sinonimo di garanzia e infatti sono sempre di più gli investitori che decidono di bussare alla nostra porta. E quello che ci contraddistingue dalla maggior parte delle imprese medio alte, è proprio la nostra disponibilità nei confronti degli affiliati. Chi decide di sposare il nostro brand, deve poter lavorare con serenità e passione. Questo diventa possibile solamente trasmettendo delle linee guida chiare e precise, che spiegano come lavorare per ottenere degli ottimi risultati.
Gli stessi che ci hanno permesso di essere la prima azienda di collocamento badanti in Italia.

Dopo quanto tempo è possibile chiudere il fatturato in utile?

Potrà sembrarvi assurdo, ma la risposta a questa domanda è molto facile: “Già dal primo anno”.
Non è un’utopia, anzi, la maggior parte dei nostri affiliati che segue attentamente le linee guida, già a partire dal primo anno riesce ad ottenere un’utile d’esercizio. E senza fare degli sforzi fuori dal comune.
Essendo un processo già consolidato, quello della nostra azienda, l’unica cosa da fare e ascoltare i consigli di chi nel settore del franchising badanti si è affermato ormai da tempo.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_link_target=”_self” column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” overlay_strength=”0.3″ column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][social_buttons nectar_love=”true” facebook=”true” twitter=”true” linkedin=”true” pinterest=”true”][/vc_column][/vc_row][vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” column_margin=”default” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom” bg_image_animation=”none”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_link_target=”_self” column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_width_inherit=”default” tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” overlay_strength=”0.3″ column_border_width=”none” column_border_style=”solid” bg_image_animation=”none”][recent_posts style=”classic_enhanced” color_scheme=”light” category=”all” columns=”4″ order=”DESC” orderby=”date” blog_remove_post_date=”true” blog_remove_post_author=”true” blog_remove_post_comment_number=”true”][/vc_column][/vc_row]

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

05/11/2021

Focus sulle badanti: quello che tutte le agenzie home care dovrebbero fare

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter