Badanti: come assistere un anziano con Alzheimer?

07/01/2020
10 Minuti

[vc_row type=”in_container” full_screen_row_position=”middle” scene_position=”center” text_color=”dark” text_align=”left” overlay_strength=”0.3″ shape_divider_position=”bottom”][vc_column column_padding=”no-extra-padding” column_padding_position=”all” background_color_opacity=”1″ background_hover_color_opacity=”1″ column_shadow=”none” column_border_radius=”none” width=”1/1″ tablet_text_alignment=”default” phone_text_alignment=”default” column_border_width=”none” column_border_style=”solid”][vc_column_text]Una delle malattie sempre più diffuse tra gli anziani è il morbo di Alzheimer. Esso è una malattia neurodegenerativa che porta danni sempre maggiori e progressivi al cervello, riducendo sempre di più le capacità cognitive. Questa malattia porta alla progressiva perdita dell’autonomia, attraverso problematiche e incapacità di ricordare e comunicare, confusione, atteggiamenti e comportamenti instabili, depressione, ansia, demenza e disturbi generici della personalità. I soggetti affetti da morbo di Alzheimer sono estremamente fragili e necessitano di assistenza continua e mirata, per questo motivo è necessario conoscere la malattia e come trattarla.

Alzheimer: riconoscerlo e trattarlo

Quando si assiste una persona malata di Alzheimer è necessario conoscere la sua storia clinica e, soprattutto, informarsi adeguatamente sulla malattia. I sintomi e le caratteristiche sono molte e possono variare leggermente da soggetto a soggetto. Il morbo viene suddiviso in quattro fasi, nelle quali la malattia progredisce. Sapere in quale stato si trova l’anziano aiuta a seguire l’andamento della malattia e soddisfare le necessità di quel momento. Conoscendo la malattia e le sue manifestazioni non ci si troverà impreparati di fronte a peggioramenti o situazioni critiche. Inoltre, una badante che assiste un anziano con Alzheimer dovrà collaborare con i medici e si troverà a dover accompagnare l’anziano in ospedale, a fare visite mediche e dovrà fare attenzione che l’assistito prenda le medicine regolarmente.

Come assistere un anziano affetto da Alzheimer?

Per assistere un anziano malato di Alzheimer è necessario seguire accortezze, ovvero:

  • mettere l’ambiente in cui l’anziano risiede in sicurezza, facendo attenzione che l’anziano non possa arrivare a zone pericolose, nascondendo medicinali o mettendoli in un posto in cui l’anziano non possa prenderli. L’ambiente dovrà essere accogliente, l’anziano non si ricorderà il nome di molti oggetti, persone e cose. Importante è sapere che non solo dimenticherà i nomi, ma anche i processi logici che portano a quel determinato nome.
  • essere paziente e comprensivo, cercando di anticipare momenti di crisi e cambi di umore.
  • quando l’anziano è ancora in sé stesso e desidera ricordare, supportalo. La condivisone dei ricordi è importante.
  • crea un ambiente giocoso, felice e sereno per quanto possibile.
  • segui attentamente ogni fase della giornata dell’anziano, non lasciarlo mai solo. L’anziano potrà dimenticarsi di aver mangiato oppure potrà essere convinto di averlo già fatto. Importante è che tu lo segua attivamente. Nel caso in cui l’assistito si mostri restio a svolgere alcune attività, cerca di invogliarlo senza insistere eccessivamente, mostrati sempre tranquillo e non importi mai come un’autorità.

Riconoscere il Morbo di Alzheimer

Quando ci si trovare ad assistere un anziano è importante mettersi nell’ottica che malattie e problematiche possono insorgere da un momento all’altro. Potrebbe capitare che mentre stai assistendo un anziano, questo inizi a manifestare sintomi tipici dell’Alzheimer. Per questo motivo è fondamentale conoscerne i sintomi, in modo da fare presente il prima possibile la situazione e fare eventuale accertamenti. I sintomi più frequenti di questa malattia sono:

  • perdita della memoria, visibile attraverso la dimenticanza di informazioni appena apprese, dimenticanza di eventi importanti, ripetizione di domande e frasi già dette in precedenza.
  • perdita di concentrazione e di conoscenze acquisite già in passato
  • difficoltà a svolgere le normali attività quotidiane che prima si svolgevano senza richiedere aiuto
  • distorsione della percezione della realtà, attraverso per esempio la manifestazione di allucinazioni
  • difficoltà a comunicare, per esempio un anziano che mentre parla si blocca e non sa come continuare il discorso
  • perdere oggetti e non ricordare affatto come si è arrivati a perderli
  • riduzione della socialità
  • insorgenza di ansie, depressione, rabbia ingiustificata.

[/vc_column_text][divider line_type=”No Line” custom_height=”30″][nectar_btn size=”medium” button_style=”regular” button_color_2=”Accent-Color” icon_family=”default_arrow” url=”https://santarosaassistenza.com/cerchi-lavoro-come-badante/#contattaci” text=”Invia subito la tua candidatura”][/vc_column][/vc_row]

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

05/11/2021

Focus sulle badanti: quello che tutte le agenzie home care dovrebbero fare

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter