Badante per anziani, quanto impatta la formazione nella ricerca del lavoro?

10/08/2020
10 Minuti

Vi diciamo fin da subito che una badante per anziani che vuole fare strada in questo settore, deve avere un profilo completo sia sotto il piano tecnico che formativo. Sono ormai lontani i tempi in cui per svolgere questa mansione bastava avere buona volontà soltanto, oggi, le famiglie sono molto più esigenti. Cercano una persona completa a 360°.


A questo aggiungiamo anche la competitività in costante aumento. Visto che quello della badante è uno dei pochi lavori che nonostante la crisi che incombe sul nostro Paese da quasi due decenni, è ancora remunerativo.
E quindi, chi è intenzionato ad intraprendere questa professione investe molto su se stesso, migliorando quanto più è possibile il proprio curriculum vitae.

Sicuramente la parte legata all’esperienza con il paziente è di rilevante importanza, visto che è quella diretta, però, avere una buona base formativa, consente di svolgerla al meglio. È un po’ come con la scuola: non basta essere intelligenti, bisogna anche studiare.


Seguire un buon corso di formazione apre senza alcun dubbio a numerose possibilità di lavoro, consentendovi anche di avere una maggiore forza contrattuale. Perché si sa: più sai fare bene il tuo lavoro, più vieni pagato!
E così, noi di Santa Rosa Assistenza, da anni esperti nel settore di collocamento badanti, eroghiamo corsi di formazione e di coaching, i quali hanno come obiettivo quello di aumentare le skills delle badanti.

Badante per anziani, ecco i nostri corsi.

I corsi di formazione sono utili ad ogni badante per anziani: se seguiti con interesse e profitto, vi consentiranno di migliorare la comunicazione con l’assistito. Potrà sembrarvi assurdo, ma riuscirete a captare un suo volere, senza che quest’ultimo lo dichiari esplicitamente.

Gli anziani sono come i bambini, è risaputo, magari per vergogna o per paura di essere giudicati, non esprimono chiaramente un problema, volere, ecc.
Sarà quindi vostro compito riuscire a capirlo.


Questo tipo di comunicazione viene denominato ‘paraverbale’, ovvero la forma di linguaggio che si comunica attraverso il tono della voce, il volume, il timbro vocale, la velocità con la quale si parla, ecc.

Oltre a migliorare la comunicazione, potrete anche certificare le vostre competenze, che vi torneranno utili per assistere anziani che soffrono di determinate patologie. Ad esempio, un annuncio di lavoro potrebbe essere mirato per una badante che detiene la certificazione OSS. Proprio perché per alcune mansioni è obbligatorio possederla.


E quindi, una badante che non ha seguito questo corso di formazione specifico, deve escludere a priori questa candidatura.

Formazione, il curriculum ringrazia.

Come vi abbiamo già detto nei paragrafi precedenti, seguire corsi di formazione migliora oltre a sviluppare nuove competenze, di conseguenza aggiunge un plus anche al proprio curriculum.


Infatti, potete benissimo aggiungere a curriculum tutti i corsi di formazione che seguite e le relative certificazioni. Questo vale sia per quello cartaceo che per quello digitale.
Vi suggeriamo, se non l’avete già fatto, di registrarvi a LinkedIn e di creare un profilo professionale.

Questa piattaforma offre la possibilità di poter aggiungere nello specifico ogni singolo corso di formazione e/o le certificazioni di cui siete in possesso.
Un motivo in più per farvi notare dalle famiglie, se volete aumentare le possibilità di far carriera come badante per anziani.

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022

Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter