Assistenza anziani con demenza, come aiutarli?

19/08/2020
10 Minuti

L’assistenza anziani affetti da demenza non è mai una cosa semplice, né per le badanti né per le famiglie.
Anche se la medicina fornisce costantemente terapie all’avanguardia e tecniche che ritardano l’avanzamento della malattia, per assicurare un supporto funzionale all’anziano, bisogna informarsi tanto.


Infatti, una volta consultato uno specialista, occorre mettere in atto tutti i suoi consigli. Vi anticipiamo fin da subito che occorre tanta pazienza e dedizione al lavoro, per poter aiutare l’anziano a migliorare. Questo vale sia per le badanti che forniscono assistenza, sia per le famiglie che comunque svolgono un ruolo importante.

Nei prossimi paragrafi vi daremo dei piccoli suggerimenti che senza alcun dubbio miglioreranno le giornate dell’anziano, ma ricordatevi di non agire mai senza il parere di un medico o di uno specialista. Una decisione sbagliata presa senza consulto, potrebbe aggravare la situazione.


Non è infatti il primo caso di anziani che anziché migliorare grazie all’assistenza ricevuta, hanno avuto grossi peggioramenti con la malattia, a causa di terapie ‘fai da te’ imposte dai familiari.

Come organizzare al meglio di spazi della casa all’anziano.

Come è facile intuire, per migliorare l’assistenza agli anziani, gli spazi della casa necessitano di una particolare attenzione, sia sotto il profilo della sicurezza che della comodità. Occorre rendere quanto più autonomo e possibile l’anziano.


Per prima cosa, eliminate o mettete da parte tutti gli oggetti che possono arrecare problemi di sicurezza (cadute, traumi), come ad esempio tappeti o fili che vagano per la casa. Attenzione anche ai mobili: vanno posizionati in modo da facilitare i movimenti dell’anziano e nello stesso tempo anche una sorta di appoggio.

Poi, se avete delle scale in casa, vanno applicate delle maniglie speciali e corrimano alle pareti. Non dimenticate anche dei dispositivi antiscivolo nella vasca, pavimento e gradini.
Per quanto riguarda invece i divani, le sedie e le poltrone, non devono avere cuscini che potrebbero far scivolare l’anziano.

Cambiamenti da evitare.

Questo paragrafo relativo all’assistenza anziani è legato a quello precedente: rendete quanto più comfort l’ambiente per l’anziano, ma senza modificarlo interamente. Questo perché, ad un anziano affetto da demenza, dovrete cercare di fargli memorizzare la collocazione degli oggetti (telecomando, radio, abbigliamento, ecc).


Sarete stesso voi a rendervi conto di come organizzare al meglio il tutto, in modo da rendere anche più autonomo l’anziano stesso.

Assistenza anziani, quanto incide l’attività fisica?

Per attività fisica non intendiamo sollevamento pesi o maratone, ma anzi, delle semplici passeggiate all’aria aperta che aiutano a tenere viva la fascia muscolare, le articolazioni e l’equilibrio. Inoltre, il beneficio di una passeggiata contrasta anche la stitichezza e migliora il sonno. Sia all’anziano che al parente/badante che l’accompagna.


Potete sicuramente fargli fare una passeggiata la mattina e una nel pomeriggio (non per forza al parco, potete uscire insieme anche per comprare il giornale o per fare la spesa).

Per concludere…ricordatevi che gli anziani sono come i bambini, necessitano di attenzione e di disponibilità. Non arrendetevi al primo ostacolo, donate tutto voi stessi.
Vedrete che fornendo assistenza con amore e pazienza, i risultati non tarderanno ad arrivare!

 

Ti è piaciuto questo Articolo?
Condividilo

09/08/2022

Decreto Trasparenza: di cosa si tratta?

19/11/2021

L’imprenditore, il franchising e il successo: l’unica cosa da sapere!

15/11/2021

OSS e ASA: sono necessarie queste certificazioni per lavorare SEMPRE?

08/11/2021

La Badante convivente può rivelarsi la tua soluzione di vita (se leggi qui)

Precedente
Successivo

Iscriviti alla Newsletter