Cos’è la demenza senile?

  1. grand-mere-et-petite-fille_4724277

Demenza senile è un’espressione con la quale si fa riferimento ad alcune delle tante forme di demenza. si tratta, essenzialmente, di disturbi diversi fra loro e che hanno diversa eziologia, ma una sintomatologia molto simile.

Alla base delle demenze, comunque, c’è sempre una patologia cerebrale che provoca una grave compromissione delle facoltà cerebrali superiori (memoria, capacità di ragionamento)

Demenza senile: gli stadi della malattia Solitamente il decorso della malattia viene suddiviso in quattro stadi; si parla quindi di demenza precoce, demenza moderata,demenza grave e demenza severa.

Al primo stadio i sintomi della malattia sono appena pronunciati e non si registrano compromissioni cognitive tali da impedire lo svolgimento delle normali attività quotidiane.

Al secondo stadio i sintomi sono più pronunciati e alcune attività quotidiano possono essere svolte soltanto con l’aiuto di un’altra persona.

Al terzo stadio i sintomi sono ben pronunciati e il malato non ha più ormai la possibilità di svolgere le normali attività quotidiane in modo autonomo; iniziano a manifestarsi sintomi e segni quali incontinenza urinaria e fecale, incapacità ad alimentarsi autonomamente e incapacità di uscire dall’abitazione anche se accompagnati da altri.

Quando la patologia si trova nell’ultimo stadio, la persona malata non è più in grado di comunicare con il mondo esterno e si trova in uno stato pressoché vegetativo.

 

La demenza senile vascolare è il secondo tipo più comune di demenza. Si verifica normalmente nella popolazione anziana, ma non solo. Questo tipo di demenza è causata dalla riduzione del flusso sanguigno destinato al cervello. I sintomi sono la perdite progressive della memoria, e una certa confusione, ed altri segni di demenza. La demenza vascolare è una progressiva perdita di memoria e delle funzioni cognitive.

Essa è dovuta quando l’apporto di sangue, che trasporta ossigeno ed altre sostanze al cervello, viene interrotto da un sistema vascolare malato o difettoso. Se l’apporto di sangue è fermato per un periodo troppo lungo, le cellule possono morire, causando danni irreversibili. A seconda della persona, e della gravità, la demenza vascolare può verificarsi gradualmente o improvvisamente.

Questo tipo di demenze fa parte delle demenze fronto-temporale che si vogliono indicare delle demenze neuro-degenerative. Questa patologia insorge dopo i 50 anni ed è abbastanza rara, sebbene la famigliarità e taluni fattori genetici fanno aumentare il rischio. Questo tipo di demenza si può riconoscere perché il soggetto perde la capacità di pianificare e di organizzare le proprie azioni per portare a termine un obiettivo.